I.I – Bruce La Bruce

the raspberry reich


In a period where here in Italy media are building the obssession for Red Brigade and terrorism i would suggest everyone to watch  "The raspberry reich", a funny queer movie about a terrorist group imitating the Symbionese Liberation Army and the German Raf. Bruce La Bruce directed a great story depicting the demistification of terrorists, in a commedy that traces the conflict between ideology and praxis, in a pure agit-porn style!

espanz: what about the diy attitude, you started in the punk scene, what do you think is the difference with the web 2.0 attitude? Is it maybe marketing one self or there are some possibilities to really shareideas through the web?

BlaB: Actually I think it all depends on your attitude.
Myspace can be cool or uncool, depending on how you use it. On my comments page, for example, which is like a public bulletin board, i try to weed out stuff that looks super commercial or corporate, but if it’s just people or small labels or whatever promoting their work, I don’t see anything wrong with it. I’m working on a new movie now, called Otto; or, Up with Dead People, and I’ve met several of the people I’ve cast in it on Myspace, and that’s also where I’ve found most of the music I’m going to use. So I think it’s a good "networking tool", even though I hate that terminology.

espanz: I loved The raspberry reich, how the whole idea came from?

BlaB: When I was in the punk scene in Toronto in the eighties my friends and I were all interested in the RAF and the SLA and all those crazy extreme left wing, quasi-Marxist militant proto-terrorist groups who today seem so refreshing. You know, the time before the world became a police state. So I was referring back to my interest in that, which in the climate of post 9/11 hysteria, seemed really relevant again. But it even went back further to my University days, when i studied a lot of psychoanalytic theory, including a course called Psychoanalysis and Feminism. I used t read a lot of Marcuse and Reich and Melanie Klein, etc., and I took extensive notes, so I went back and revisited all that stuff and decided to make a quasi-porn movie about it. I also had a lot of professors in university who talked the talk about social and political revolution, but who didn’t walk the walk, who actually lived very sedentary, bourgeois lives. So I wanted to make a movie about this kind of armchair revolutionaries.

the raspberry reich

espanz: Tell us more about the making of it, I love women in the street staring in hoze the actors… what happened in Berlin during the shooting?

BlaB: That scene was funny because we actually had a hard time capturing the horrified or slightly disgusted looks of the general public. I think there is a certain amount of tolerance in general for homosexuality today because it has become so visible and somewhat normalized, but some people are still secretly repulsed by it. Most people keep it to themselves, and the Germans are very reserved, so we really had to push it pretty far to get a reaction. I had the two male actors really shoving their tongues down each other’s throats and even taking off their shirts and lying on the ground. it was pretty funny, but it took us about four hours to get enough footage.
All sorts of fun stuff happened during that shoot. Like we got kicked out of our primary location in an apartment complex on Karl Marx Allee because we had actors running in and out of the building wearing ski masks and carrying guns, and the neighbours
complained!

espanz: I mostly like the irony with which you describe revolutionary communities and their psychologies, interactions and propaganda, is it the same with new political communities? And what about the digital communities?

BlaB: I’m not sure about new political communities, because I don’t really participate that much on that level.
Although for example I’ve had a couple of events at a great bookstore in Berlin called B-Books, which is like an anarchist/leftist syndicalist bookstore, and I had discussions about The Raspberry Reich there, and i think a lot of them could relate to the kind of critique I was levelling at them. But for me it was an affectionate critique, and I also include myself, as a kind of "Marxist sympathiser", as an object of the critique. But they did have a good sense of humour about it. I think part of the problem with the left is that they can be so idealistic and well-intentioned that they lose their sense of humour, and they also aren’t so great at being auto-critical. Realpolitik isn’t really something they excel at. You notice it even in the ridiculous uber-politics of mainstream America, where the conservative Republicans have more of a sense of humour than the "liberal" Democrats (they’re actually also very conservative, of course). The Republicans fight dirty and know how to take the piss out of the liberals.

espanz: I’ve seen The raspberry reich to a projection here in Italy in the phagg off circuit, but I checked on my p2p community and you seem really well ranked. What do you think about that? Is it possible this could give your films more visibility or do you think that’s just stealing your work?
I’ve also backuped The raspberry reich on my pc cause I think copyright is COUNTEREVOLUTIONARY, are you upset about the possibility of your fan to do so?

BlaB: I’m not up on my p2p, but i should be. i have friends who are really into it. my excuse is i come from the generation just prior to the digital revolution, so i always feel a bit alienated because i wasn’t schooled in it. i mean, i try to keep up, and my movies now use all the latest digital technology, but I work with people who know the technology and who operate it for me. it’s not second nature for me like it is for a lot of newer generations! i’ve always been a little tecnhophobic, so for me even my limited involvement seems like an achievement! but i think p2p is amazin – truly democratic and based on anti-capitalist notions of sharing and cooperating and educating. i love downloading free music, which is still not illegal in Canada, so i do as much of that as possible. i love the idea of people having my work captured on digital because it makes it sort of immortal. especially for The Raspberry Reich, because as you know we were hit with a major lawsuit for copyright infringement for using the Che Guevera image. we were sued by the estate of Korda, the photographer of the famous Che image, and although we had our damages reduced significantly by our lawyers, we still had to pay all the court costs and also we’re supposed to remove the Che image from the movie! so technically the original version is now illegal. so i want it to live on, like Che! we have also now released a hardcore version of the movie, under the title The Revolution is My Boyfriend, available from Cazzo Film, which replaces the Che image with slogans like Intellectual Property is Theft and Che Gueverra Is Counterrevolutionary!

espanz: Do you p2p?what’s the last film you downloaded from your favourite p2p network?

BlaB: Like I said, i don’t p2p yet, but i do subscribe to Zip.ca, which is like the Canadian version of Netflix. lately on that i’ve watched a lot of great documentaries like In the Year of the Pig by Emile de Antonio, which gives a great background to the Vietnam War, and seems totally relevant today. And also one called Asylum, about r.d laing psychiatric social experiments. I also watched two great old Val Lewton horror flicks, I Walked with a Zombie and The Body Snatchers, to prepare for the new zombie movie i am about to shoot! 

 

~~~~~~~~~~~~~~~~~

related links

imdb

assembly international 

baader-meinof

nightcharm 

1 commento

  1. megabug ha detto:

    “The Revolution is My Boyfriend, available from Cazzo Film, which replaces the Che image with slogans like Intellectual Property is Theft and Che Gueverra Is Counterrevolutionary!”

    ehehe, veramente un grande!
    molto carina l’intervista, chi sarĂ  il prossimo?

    Ciao!
    e AUGURI! 🙂

Sorry, the comment form is closed at this time.

Diario di un’apprendista

passo le notti insonni e fra una cosa e l’altra mi sono iscritta ad un corso online del moma, cosi’ per vedere come hanno interpretato e tradotto la didattica online. E’ un tema caldo anche nel posto in cui lavoro e ho bisogno di farmi un’idea di cosa ci sia in giro ora.

Mi sono iscritta a questo, mi e’ sembrato di poterlo seguire anche con qualche interesse
https://www.coursera.org/learn/photography

dopo un video di 4 minuti con qualche star che spettacolarizza concetti semplici mi mandano alla sezione resources, estratti necessari e contenuti extra suggeriti.
Mi sembra interessante, leggo i testi alcuni mi colpiscono, alcuni mi rimandano tanto (forse troppo spesso) all’istituzione che ha promosso il corso, il MOMA sta celebrando la sua narrazione e divulgando la sua chiave di lettura di un’immagine fotografica tramite un corso online gratuito. Potente sta roba, no? ; )

Leggo i testi richiesti e faccio qualche altra mia deviazione sui miei temi (scopro per esempio che un famoso fotografo americano dei primi del novecento, Lewis Hine, era un maestro, insegnava alla https://en.wikipedia.org/wiki/Ethical_Culture_Fieldston_School ispirata alla filosofia pedagogica di Dewey, del quale trovo una frase che mi colpisce “Democrazia e umanita’ sono per me sinonimi” chissa’ quando l’ha detta e in che contesto, questa ricerca resta appesa).

Mando questa info alla regista con cui sto lavorando ad un progetto su una scuola Montessori di Milano (anche lei e’ in realta’ una fotografa).

Ok, mi rompo un po’ delle dispense in cui si traccia la storia della fotografia a partire dalle mostre del moma dai pittorealisti passando per i documentaristi fino alla new york degli anno 80 con Cindy Sherman.
“Pero’, mi dico , pure tu alla fine ti sei iscritta a sta cosa proprio perche’ c’era la firma del MOMA e in qualche modo hai dato autorevolezza a
quell’istituzione…”.
Decido che per darmi un po’ di motivazione provo a fare il test anche se non mi sento affatto preparata. Posso reggere un fallimento : )

Provo a fare quindi il quizzettone che campeggia nella colonna a sinistra. Non si tratta di voglia della mera schermata successiva o ansia da prestazione e verifica, forse mi sto solo annoiando.
Appena clicco il quizzettone mi appare una schermata bianca con una semplice scritta: “Per motivi di certificazione dobbiamo settare il tuo profilo, dobbiamo verificare tutte le volte che sia davvero tu a fare il test”, beh certo (questi corsi possono anche rilasciare quello che giudico un inutile certificato, a pagamento, che poi la gente puo’ inserire per arricchire il proprio profilo linkedin, “un certificato e’ shareable!” c’e’ scritto nella parte introduttiva al corso, prima ancora dell’inizio della lezione la piattaforma mi ha informato che c’era l’opzione di ricevere un attestato e che faceva riferimento al mio “commitment” verso me stessa, all’impegno dello studente. Non avevo capito quando l’ho letta velocemente che faceva parte del processo di apprendimento, ed il contenuto delle lezioni e’ solo una parte marginale, tanto che se voglio infatti quel contenuto lo posso ricevere tale e quale anche senza il certificato, la vera differenza e’ fra chi ha il timbro e chi no. Ora quelle parole mi risalgono alla memoria con una nuoova concretezza. Capisco che sono dentro una piattaforma di validazione e immagino che questi siano dei pacchetti che vengano venduti piu’ che altro dal MOMA a enti terzi per costruire valore, oltre che essere disponibili gratuitamente online).

Ad ogni modo mi avvisano che saro' riconosciuta in 2 modi, "your typing pattern" e "your picture", sara' necessario pertanto attivare una webcam.

"Mi stanno sorvegliando! Cosa vogliono fare di me? (in realta' questa cosa la sapeva pure Dewey all'inizi del secolo scorso, buongionro cara, welcome to reality)".
Per ora ho desistito dal procedere nel pigiare l'unico tasto verde presente nella pagina. Subito sotto in questa pagina tutta bianca che sembra l'anticamera di una sala operatoria c'e' un link testuale, celeste: "I don't want to verify", nella sua semplicitĂ  questa scelta propone un gesto che assume la potenza evocativa di un brano da dieci minuti dei Pink Floyd.

Non ho ancora deciso se andare avanti o no, ma intanto tutto cio' ha sortito l'effetto di registrare questa traccia che per me racchiude alcuni dei conflitti in gioco legati all'apprendere.

Mi resta la sensazione amara di come in una societa' dell'automazione che ci libera dal lavoro ci troveremo sempre piu' spesso in queste stanze ovattate e neutralizzate a decidere cose che nel secolo scorso sarebbero state rilevanti tramite una scelta di aut-aut. Saranno la sconfitta piu' saliente della semplificazione voluta dal pensiero progettuale del design, il trionfo della tecnica.

21 settembre 2013

13_09_21yogalibre

ritorno a postare qui le sequenze delle classi di yogalibre,

questa e’ una sequenza di inizio anno strutturata sulle posizioni in piedi, semplici, primarie,
che ci consentono di percepire la dinamicita’ della staticita’, il radicamento nei piedi, l’allineamento del corpo,
per poi arrivare invece ad alcune posizioni di equilibrio in cui la stabilita’ va ricercata negli allineamenti costruiti nelle posizioni semplici.
Alla fine un accenno di inversione per riportare tutta l’estensione recuperata dai piedi alle gambe ai fianchi fino alla zona alta del torace.

E’ una sequenza allo stesso tempo semplice ed impegnativa, dinamica, richiede energie ma placa alla fine.

Non ho i tempi giusti

Decisamente fuori tempo, pubblico anche io il mio diario di frammenti dalla giornata del 3 luglio a Chiomonte.
Mi rincuora sapere che tante sono state le voci che hanno saputo abbattersi contro la coltre di falsita’ strumentali sparate ad altezza del cervello medio degli spettatori italiani, quasi come se le cortine di lacrimogeni non fossero state gia’ sufficienti. Agenzia X ha giusto pubblicato un instant e-book, Nervi Saldi, che raccoglie i resoconti le dirette e gli articoli dai blog, “we are everywhere”.
Per fortuna in barba alla mia lentezza, hanno avuto immediata circolazione e visibilita’ le dichiarazioni di Revelli, l’articolo di Giuseppe Genna, cosi’ come le decine di tracce lasciate da chi ha camminato fra i torrenti, i sentieri e le strade al fianco dei No Tav. ,
Teniamo i nervi saldi e i nostri strumenti ve li lanciamo contro, vi faranno male perche’ non sono le astrazioni scritte da qualche espertone per essere pronunciate da un figlio deficente e poi ripetute nell’etere, ma perche’ sanno esprimere un altro tipo di forza, che si sostanzia della capacita’ di veicolare contenuti condivisi. Details »

Stay human

L’umanita’ nelle tue parole e nel tuo sguardo ha preso una forma nobilissima, dignitosa e terribilmente concreta, possibile.
Non ti ho conosciuto ma mi hai insegnato tanto.
Ciao Vik, provero’ a rimanere umana.

Good luck INDIA

Nel giorno dell’8 marzo un piccolo ritratto ironico e tenero, che racchiude una riflessione sulla mascolinita’ e sul saper fare, figlio del percorso che faccio da tempo con Serpica Naro e che sta maturando anche nelle pieghe delle riflessioni transgeneri. Details »

C’e’ ancora chi parla di masse e popolo africano

Sono settimane che guardo , con entusiasmo unico, a quello che sta succedendo in Tunisia Egitto in primis, ma alla fine queste definizioni le sento strette e geopoliticamente mi mi viene di parlare di confini, soglie e blocchi, regioni come il Sinai e Gaza, di migranti e nomadi che vanno di wadi in wadi, fratelli e sorelle che si guardano negli occhi e stanno cercando di determinare una parte della loro vita. Details »

Back to the wild city

Sono tornata da qualche giorno ma ho la mente ancora in viaggio. Oggi, leggevo, hanno ammazzato a sangue freddo una persona a Hebron, mentre dormiva nel suo letto. Sono rimasta di sasso, bastardi, mi e’ sembrato quasi di conoscere tutti li’ ed e’ stato come se avessero pugnalato un amico.
Ci sono un sacco di cose del mio viaggio che non ho raccontato sul blog, in primis l’ultima settimana passata con gli attivisti (che avevo deciso di evitare con determinazione, ma evidentemente mi e’ stato impossibile) nella capitale creative class del West Bank: Bet Sahur. Ma un po’ si tratta di racconti che riservo allo scambio vis a vis ed un po’ ormai sono rientrata ed ho con me un bagaglio di suoni e ricordi che non riesco piu’ a materializzare in una scrittura. Continueranno a lavorare sotto la cenere.
I’m back to the wild city and it’s gonna be real wild.

Sionismi reali

Fra citta’ e campagna, i due modelli di comunita’ che si possono trovare in Israele.
Non saprei dire quale mi sembra piu’ aberrante. Details »

Gloomy sunday


E’ arrivato l’inverno, un freddo porco dall’Italia, si dice qui… e te pareva!
Con il grigio ed un po’ di pioggia mi muovo ad Hebron, sempre con la bici al seguito, non si sa mai che magari il tempo sia clemente e mi consenta di andare in giro per i villaggi e la campagna.
Sono qui da ormai due giorni e non riesco a scrivere nulla, la situazione e’ davvero pesante. Details »

Joel


Joel e’ il proprietario dell’hotel Al Wehdeh a Ramallah, è in centro vicino ad Al Manarah, la piazza con i leoni, verso cui confluiscono le strade del mercato e della zona commerciale della cittĂ . Details »

Gli insofferenti di Nablus


A Nablus sto in un hotel nella parte est, quasi in cima ad uno dei monti su cui si espande il nucleo abitato e la mia finestra si affaccia su un cimitero. Molti dei ragazzi morti durante la seconda intifada sono sepolti qui. Details »

Gerusalemme Ramallah Nablus

Se sei a Gerusalemme puoi andare nella cittĂ  vecchia, dove tutte le strade convergono, ma se provi a dirigerti da un’altra parte la gente ti ferma.

E’ così che mentre mi muovevo verso Gerusalemme est un tipo in un mega macchinone mi chiama e mi spiega cortesemente che la cittĂ  è nella direzione opposta e che, ovviamente, sto sbagliando strada.

Peccato che la città continua ed è anche parecchio estesa. Proseguo nella mia direzione ed il tizio si prende la briga di fare inversione di marcia per venirmi a ripetere che non sto andando nella giusta direzione. Al che gli rispondo di non preoccuparsi di me che sto facendo un giretto.

La cittĂ  cambia completamente, le strade sono dissestate, rifiuti in giro, i palazzoni sono sempre ricorperti di pietra e mi rendo conto che la cittĂ  non e’ semplicemente divisa in due, ma è fatta a strati, in verticale, sembra quasi che il livello della strada non sia importante,
ciò che conta è che per le cartoline la cittĂ  bianca e l’omogeneitĂ  della pietra venga preservata. Cosa importa del livello della vita e della quotidinaitĂ ? Details »

found in a maze

Details »

I’m not here

Ci sono progetti che hanno la capacita’ di cogliere a piu’ livelli una molteplicita’ di punti di vista percezioni ed emozioni riuscendole a concretizzare, senza chiuderle, in un pattern mutevole, come la crosta di una cicatrice che cambia ogni giorno e si trasforma in una pelle nuova.

You are not here e’ un progetto realizzato da Mushon Zer-Aviv, che propone un turismo di mashup urbano. La frontiera della psicogeografia: attraversare una citta’ con un percorso che svela in filigrana un’altra citta’, il suo doppio. E come si augurava il buon Debord, l’esperienza della deriva nella citta’ supera il flusso metropolitano, la sua costruzione di segni ed insegne del potere.

Una delle mappe proposte e’ quella di Tel Aviv/Gaza e la voce che ci guida e’ quella di Laila, una mamma che cresce il suo figlio a Gaza.

Con quale citta’ farebbe il paio Milano? Soon this space will be too small, soon I’ll not be here.

AhAH aHah AH